Ti trovi in difficoltà economiche e la banca vuole indietro i suoi soldi?

La tua casa sta per andare all’asta e sei preoccupato per il futuro?

Salvati dai debiti e riconquista subito la libertà per te e per la tua famiglia

leggi le testimonianze delle persone che ho già aiutato

Cancella i tuoi debiti e le tue preoccupazioni e ritrova la serenità perduta

Rimuovi il tuo nome dall’elenco dei cattivi pagatori e riparti con la tua vita

Ottieni il massimo dalla tua casa (senza necessariamente perderla) e proteggi i tuoi interessi

Cancella i tuoi debiti e le tue preoccupazioni e ritrova la serenità perduta

Ottieni il massimo dalla tua casa (senza necessariamente perderla) e proteggi i tuoi interessi

Rimuovi il tuo nome dall’elenco dei cattivi pagatori e riparti con la tua vita

Sempre più persone sono in difficoltà e non riescono a pagare i loro debiti

Il numero delle famiglie che si trovano in difficoltà con le banche e che stanno vivendo il dramma di vedere la propria casa finire in mani altrui, è sempre maggiore. È il sintomo di una crisi che va avanti da più di dieci anni e che non accenna ad affievolirsi.

Secondo il Rapporto del Centro Studi Sogeea, negli ultimi sei mesi il numero delle case in asta giudiziaria in Italia è aumentato del 63,5%. 

E l’aspetto peggiore di questa situazione è che purtroppo il sacrificio di rinunciare alla propria casa non è quasi mai sufficiente a ripulire la situazione debitoria.

Gli immobili vengono svenduti alle aste giudiziarie e il ricavato copre solo una parte del debito.

Non solo perdi la tua casa, ma vai incontro alla “morte finanziaria”. 

Cioè non avrai più accesso al credito e non potrai comprare nemmeno un telefono cellulare se non hai i contanti. Il “marchio” da mal pagatore ti impedirà di chiedere anche solo un euro di finanziamento per rimettere in piedi la tua vita. 

Non meriti di vivere così, solo perché anni fa hai fatto l’errore di essere ottimista e avere fiducia nel futuro

Per questo voglio aiutarti

Mi chiamo Rolando Pollastri e con il mio metodo StracciaDebito posso aiutarti (completamente gratis) a risanare i tuoi debiti senza svendere la tua casa.

Leggi le storie di tante persone che erano in difficoltà come te e che hanno ricominciato a vivere grazie al mio metodo.

L’asta giudiziaria non è la soluzione al tuo problema!

I creditori (banche, recupero crediti ecc..) utilizzano il sistema dell’asta giudiziaria per rientrare dei soldi che hanno prestato a chi, per un motivo o per l’altro, oggi si trova in difficoltà.

In realtà ci sono molti aspetti poco noti, i quali pesano su chi spera che il periodo più brutto della loro vita, una volta concluso il calvario al quale l’asta li sta sottoponendo, abbia fine. Una volta per tutte.

Vediamone giusto alcuni:

Gli immobili sono stimati da un perito del tribunale

Il CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio) incaricato dal Tribunale per valutare la casa, determina un prezzo che nulla ha che vedere con il costo che hai pagato per acquistarla.

Di solito si tratta di una cifra nettamente inferiore del suo reale valore, per tutta una serie di motivazioni legate alle peculiarità proprie del procedimento esecutivo.

Il prezzo base dell’asta è inferiore al valore della casa

Non è certo che le perizie di stima commissionate dai Tribunali siano corrette e tanto meno accurate.

Ciò crea enormi difficoltà a chi compra una casa all’asta. Non c’è modo di avere la certezza che non vi siano problemi nascosti: documenti inesatti, impianti non a norma, difformità più o meno evidenti e così via.

Per questo si tutela l’acquirente che sta comprando “quasi a scatola chiusa” con un prezzo iniziale già ribassato.

Prezzo che, ad ogni asta andata deserta, viene ulteriormente ribassato arrivando, in alcuni casi, anche al 70-80% più basso rispetto al reale valore dell’immobile.

È possibile fare un’offerta minore rispetto al prezzo di vendita

La legge inoltre prevede la possibilità di offrire un prezzo inferiore al 25% rispetto al prezzo base d’asta (offerta minima).

Se ciò non basta per rendere l’immobile appetibile e l’asta va deserta, il Giudice automaticamente programma una nuova asta con un prezzo ulteriormente ribassato a suo insindacabile giudizio.

In genere questa è LA REGOLA.

Nessuno si presenta mai alla prima asta, proprio per lasciare che il prezzo si abbassi.

Nella stragrande maggioranza dei casi sono almeno 2 o addirittura 3 i tentativi di vendita che vanno deserti, in attesa di un sostanzioso ribasso.

Un vero gioco al massacro per il proprietario, che viene sottoposto a tutto questo al solo scopo di ripagare il suo debito con il ricavato dell’asta!

Il Saldo a Stralcio Immobiliare ti permette di chiudere il capitolo più angosciante della tua vita in poco tempo

Si tratta di un’opportunità che mette insieme le esigenze del debitore e del creditore, oltre che di una terza persona, che riveste il ruolo di acquirente interessato all’immobile.

Grazie a questo sistema non è necessario che la casa venga Svenduta all’asta a una frazione umiliante del suo valore.

In pratica si intavola una trattativa privata con i creditori allo scopo di comprare l’immobile senza passare dall’asta ad un prezzo superiore rispetto a quello dell’asta, ma comunque inferiore al valore della casa, in cambio della cancellazione del debito.

In questo modo si ottengono tre effetti estremamente positivi:

L’acquirente è contento.

Ha comunque fatto un ottimo affare, perché si è comprato l’immobile a un prezzo vantaggioso e non ha rischiato di vederselo soffiare da qualche altro partecipante all’asta.

La banca è soddisfatta

dell’accordo perché è riuscita a recuperare una cifra superiore alle aspettative. Inoltre è rientrata in possesso dei suoi soldi in tempi rapidi, invece di dover aspettare mesi o anni e dover sostenere altri costi per concludere l’iter dell’asta.

Tu sei di nuovo libero.

Hai cancellato i tuoi debiti e il tuo nome non figura più in Centrale Rischi. Finalmente puoi riprendere a vivere e, se ne avrai bisogno, chiedere altri finanziamenti.

Perché allora non ricorrono tutti a questa pratica e ci sono migliaia di case all’asta e di persone che restano insolventi a vita?

La verità è che la pratica del saldo a stralcio immobiliare è molto più difficile da realizzare di quello che sembra. Richiede una conoscenza della materia che pochi possiedono, a livello teorico ma soprattutto a livello pratico, applicata alla trattativa con i creditori.

Molti, erroneamente, si rivolgono all’avvocato di famiglia, il quale in questo campo può fare poco o niente.

La realtà dei fatti è che tu non hai un problema legale, ma hai un problema di soldi! Quindi l’avvocato, a conti fatti, non ti serve a niente!

Di solito un avvocato, per quanto preparato, non ha le competenze per trattare con i creditori.

Non è il suo mestiere.

Nel suo percorso accademico non c’è niente che abbia realmente a che fare con tutto questo.

Si occupa di ben altro nella sua pratica professionale.

Spesso non ha neanche una reale specializzazione ma fa un po’ di tutto, un po’ come un medico generico.

Un giorno si occupa di un cliente che si sta separando dalla moglie, il giorno dopo della vecchietta che ha litigato con l’inquilino del terzo piano, quello dopo ancora della lavanderia che ha rovinato un capo prezioso, e così via.

Sono tutte situazioni in cui la sua formazione accademica gli permette di risolvere il problema.

Il discorso cambia radicalmente quando si parla di problemi con le banche

Qui entrano in gioco competenze che non hanno nulla a che fare con la giurisprudenza.

Più che altro è necessario far capire al creditore che da quella casa non potrà mai ricavare più di una certa cifra (e che di conseguenza ha poco da pretendere e da fare il gradasso).

Quello che si viene a creare è una sorta di duello in cui ci sono due contendenti che hanno due obiettivi diametralmente opposti.

Da un lato la banca vuole recuperare tutti i suoi soldi, dall’altro tu vuoi cancellare il tuo debito dandogliene il meno possibile e magari tenendoti anche la casa.

Per convincere la banca ad accontentarsi di una cifra inferiore a quella minima che sperava di recuperare, è necessario fornire le giuste motivazioni. Per questo è fondamentale analizzare bene le carte a disposizione e definire una linea d’attacco ben definita e molto precisa.

Non puoi procedere per tentativi. Se un’argomentazione non funziona non puoi tentare con un’altra sperando che sia più convincente.

Hai un solo colpo in canna. Sbaglia anche una sola virgola di quello che dici ai creditori e ti sei giocato l’unica possibilità che hai di trovare un accordo

Questo perché il saldo a stralcio altro non è che un sistema per costringere i creditori a rinunciare veramente a tanti, tanti soldi.

È palese quindi che per riuscire a raggiungere un simile risultato, tutto quello che fai, quello che dici, quello che scrivi deve essere perfetto. E ciò è possibile solo dopo anni di lavoro e di casi risolti.

Per questo è necessario unire competenze in ambito immobiliare (per quanto riguarda tutti gli aspetti commerciali, tecnici, legali e fiscali) a una conoscenza approfondita degli aspetti intrinsechi del procedimento esecutivo.

La strategia va creata mettendo insieme tutti gli elementi a disposizione, nelle giuste dosi, nel momento giusto e alle giuste condizioni. Come uno chef stellato che prepara un piatto prelibato e ricercato.

Per questo hai bisogno di un “campione” che combatta per te e sappia districarsi in questo labirinto per trovare una soluzione che ti permetta di tornare a vivere.

Io posso essere quel campione.

Un immobiliarista specializzato in “tecniche transattive”, comunemente dette “Saldo a Stralcio”.

Ho studiato e messo in pratica per anni questa materia, risolvendo nel mentre decine e decine di casi.

Ne conosco ogni dettaglio.

Grazie a queste competenze ho potuto formare un team di esperti professionisti, e ci occuperemo di seguirti in tutto il processo. Saremo noi a trovare gli investitori, negoziare con le banche e farti ottenere l’azzeramento del tuo debito.

In più il mio aiuto per te è completamente gratuito, perché il mio guadagno deriverà dal successo dell’operazione immobiliare e
NON
sarà a tuo carico

Questo significa due cose:

Non avere paura di trovarti sulle spalle una parcella salata da pagare, ma puoi usufruire della mia assistenza senza pesare sulle tue finanze.

Vista la situazione difficile in cui ti trovi, mi sembra davvero il minimo che posso fare per aiutarti.

Io guadagno solo se l’operazione va a buon fine e tu cancelli il debito.

Quindi ho tutto l’interesse ad aiutarti davvero.

Questo ti dà l’assoluta garanzia che farò tutto ciò che è in mio potere per portarti alla meta.

La mia specialità?

Cercare in tutti i modi, attraverso le possibilità offerte dalla legge, di Chiudere il debito SENZA farti perdere la casa

Non è sempre possibile, quindi quello che ti prometto, senza ombra di dubbio, è che riuscirò a cancellare il tuo debito vendendo la tua casa al prezzo più alto possibile con la pratica del saldo a stralcio. 

Se ci saranno i presupposti, mi impegnerò anche perché la casa resti a te, o almeno perché tu possa continuare ad abitarci fino a quando non ti sarai rimesso in piedi e addirittura ricomprarla in un secondo momento. 

Ecco alcune testimonianze di persone che ho aiutato. Noterai che ho cancellato i loro nomi, e l’ho fatto per un motivo ben preciso. Voglio che quel brutto capitolo della loro vita si chiuda completamente e credo fermamente che sia un segno di rispetto proteggere la loro privacy. 

In ogni caso, se vuoi maggiori informazioni sui casi studio che sto per illustrarti, sarò felice di mostrarti dati e dettagli in privato, a maggior tutela dei tuoi interessi e di quelli delle persone che mi hanno concesso la loro fiducia.

TESTIMONIANZA DANIELA R."Mi sono rivolta a Rolando Pollastri che ha subito elaborato un sistema per bypassare il mio ex-marito e aiutarmi a cancellare i miei debiti"
Leggi Tutto
“Sono divorziata, ma avevo la comunione dei beni con il mio ex marito, ed eravamo entrambi proprietari al 50% della casa. Quando ci siamo separati lui ha smesso di pagare la sua parte di mutuo e io non riuscivo, con il mio solo stipendio, a coprire l’intera rata. Perciò la casa è stata pignorata ed è finita all’asta.

Tra l’altro abbiamo una figlia minorenne che non ha mai ricevuto un centesimo per il mantenimento da suo padre, nonostante la sentenza del giudice che lo obbliga a versare un tot ogni mese per il sostentamento della famiglia.

Questa situazione andava avanti da un paio d’anni, sia per quanto riguardava la casa che gli alimenti mancanti per mia figlia.

Ho tentato, con il mio avvocato di fare un saldo a stralcio, ma non è andato a buon fine perché serviva la firma del mio ex-marito per procedere e lui voleva un sacco di soldi in cambio. Praticamente dovevo pagarlo per firmare!

Mi sono rivolta a Rolando Pollastri che ha subito elaborato un sistema per bypassare il mio ex-marito e aiutarmi a cancellare i miei debiti.

Ha messo a disposizione i capitali di alcuni suoi investitori, ed è riuscito a rivendere l’immobile con un sistema che non richiedeva la firma del mio ex.

Io ho solo dovuto dare la mia disponibilità per mostrare la casa, in orari concordati, alle persone che erano interessate a comprarla, come si fa quando si vende casa con un’agenzia immobiliare.

Alla fine il mio ex-marito ha avuto ciò che meritava restando a bocca asciutta e io, oltre a cancellare il debito, ho ricavato anche dei soldi per pagare la cauzione e quasi un anno di affitto della casa nuova.

Inoltre Rolando si è fatto carico anche della parcella dell’avvocato, che era rimasta in sospeso, e l’ha fatta rientrare nei costi dell’operazione.

Ora io e mia figlia abbiamo ricominciato a vivere serenamente, non ho più debiti e finalmente non sono più vincolata al mio ex.”
TESTIMONIANZA KAMAL S."Una volta firmati i documenti che gli servivano, in poco meno di due mesi Rolando è riuscito a mettersi d’accordo con la banca e ha chiuso lui stesso il mutuo, in cambio della casa"
Leggi Tutto
“Grazie a Rolando Pollastri ho chiuso tutti i debiti e ho salvato il mio matrimonio.

Non ero più interessato alla casa, volevo andarmene, cambiare tutto, mettere fine a questo brutto periodo durato quasi 5 anni e rifarmi una vita da un’altra parte. I problemi di soldi hanno quasi distrutto il mio matrimonio. Era più di 1 anno ormai che non incrociavo quasi nemmeno più lo sguardo con mia moglie.

Poi, abbiamo trovato una specie di rivista nella posta insieme a una lettera. Ci ha incuriositi parecchio, sembrava quasi che la persona che l’ha scritta avesse passato anche lei quello che stavamo vivendo negli ultimi anni.

Abbiamo subito fissato un appuntamento a casa nostra con Rolando Pollastri, per farci spiegare cosa poteva fare per noi.

È stato strano parlare con Rolando la prima volta. È stato come fare una seduta di psicanalisi.

È successo che durante la conversazione io e mia moglie abbiamo iniziato a scannarci come al solito, al che Rolando ha smesso di parlare della casa e ha iniziato a chiederci di noi.

Lo abbiamo massacrato poverino, abbiamo iniziato a riversare su di lui tutta la rabbia e la frustrazione.

Non so come, tra uno sfogo e l’altro, è riuscito a farci realizzare che io e mia moglie ci urlavamo contro da ormai anni senza mai accorgerci che di fatto il problema non eravamo noi, ma i soldi che non c’erano, per vivere, per chiudere i debiti.

Dalla sera stessa io e mia moglie abbiamo smesso di litigare. Ogni volta che la tensione dovuta alla casa all’asta si faceva insopportabile, non ci sfogavamo più l’uno contro l’altro, ma l’uno con l’altro.

Ormai consapevoli di quale fosse il vero problema, dal vederci come la causa reciproca del nostro male abbiamo iniziato a vederci l’uno come la spalla dell’altro. Siamo diventati addirittura più uniti che mai, più di quando le cose ancora andavano bene.

Credo sia stato questo, durante il primo incontro, a farci capire che Rolando era la persona giusta. Che eravamo sulla strada giusta.

Una volta firmati i documenti che gli servivano, in poco meno di due mesi Rolando è riuscito a mettersi d’accordo con la banca e ha chiuso lui stesso il mutuo, in cambio della casa.

Sembra assurdo che una cosa così grossa, così importante, che ci ha rovinato così tanto la vita per così tanti anni e che era ad un passo dal distruggere il rapporto con mia moglie, si sia conclusa in così poco tempo.

Da un giorno con l’altro mi è sparito quel senso di oppressione che mi toglieva l’aria, mi impediva di respirare e non mi faceva chiudere occhio la notte. Sembrava di avere fisicamente qualcosa in fondo alla gola che impediva all’aria di arrivare ai polmoni e di punto in bianco non c’era più.

Ora sono libero dai debiti, io e mia moglie abbiamo smesso di litigare e non siamo mai stati così uniti e in sintonia. Rolando inoltre, una volta chiuso il debito, ci la lasciati vivere in quella casa per quasi 5 mesi, il tempo che ci è servito per trovare e trasferirci nella nuova casa in affitto.
TESTIMONIANZA GIUSEPPA P."In circa tre mesi dal nostro incontro la casa è stata venduta a 280.000€ e quindi mi sono rimasti 157.000€ una volta pagato il debito"
Leggi Tutto
“La mia situazione era molto difficile. Ho 73 anni e la casa era mia al 100%. Mio marito è diabetico e aveva appena subito un’operazione in cui gli avevano amputato una parte del piede.

Il mio unico errore è stato aiutare un carissimo amico che era in difficoltà con la sua attività. Era segnalato come cattivo pagatore e non poteva ottenere un prestito, perciò per aiutarlo ho fatto un mutuo ipotecando la mia casa. Le rate del mutuo ovviamente le pagava lui, ma purtroppo è venuto a mancare e io mi sono trovata con un mutuo sulle spalle che non sapevo come pagare.

La casa valeva parecchio, essendo in una bella zona, circa 300.000€, e il debito era di 123.000€. Mi avevano detto che vendendola all’asta avrei ricavato circa 220.000€, quindi me ne sarebbero rimasti 97.000€.

Io ero preoccupata, perché mi sembrava una cifra troppo bassa. E inoltre ero molto affezionata alla casa perché lì sono nati e cresciuti i miei figli. Mi sono rivolta a un avvocato di Monza che è stato molto gentile, ma continuava a propormi operazioni con nomi strani. Non ci capivo niente e invece di aiutarmi mi faceva angosciare ancora di più.

Poi ho incontrato Rolando, che mi ha consigliato di mettere in vendita la casa senza passare dall’asta. In circa tre mesi dal nostro incontro la casa è stata venduta a 280.000€ e quindi mi sono rimasti 157.000€ una volta pagato il debito.

Inoltre Rolando è riuscito a ottenere dal nuovo proprietario 6 mesi di tempo per organizzarmi e trovare un’altra casa.

Pensavamo di usare i soldi ricavati dalla vendita per comprare un piccolo bilocale in cui trasferirci.

Alla fine, sempre su consiglio di Rolando, siamo invece andati a vivere in affitto, e non in un piccolo bilocale, ma in un’altra villetta sempre a Desio, a poca distanza da quella.

Gli siamo così grati che, finito tutto, abbiamo messo a sua disposizione una parte del ricavato diventando a nostra volta investitori nelle sue operazioni, in modo da poter aiutare altre persone in difficoltà e al contempo guadagnare anche qualcosa da aggiungere alla pensione.
TESTIMONIANZA MAURO C."Debito azzerato e 22mila euro per me"
Leggi Tutto
“La mia situazione era molto particolare perché la casa era stata venduta all’asta a 158mila euro ma l’offerta risultava non valida perché non rispettava i termini di legge.

Rolando era tra le persone che avevano partecipato all’asta e si è accorto di questo piccolo dettaglio.

Una volta riuscito a far annullare l’aggiudicazione, mi ha contattato, mi ha spiegato cos’è successo e di cosa sarebbe potuto succedere se avessimo collaborato.

Gli ho subito dato il mandato, ha ottenuto una piccola tregua da parte dei creditori e, nonostante il pignoramento, abbiamo potuto vendere la casa a mercato libero.

Risultato: debito azzerato e 22mila euro per me.”
TESTIMONIANZA ANTONIO G."Abbiamo chiuso il debito e mio figlio ha ricomprato la villa (per una cifra veramente ridicola)"
Leggi Tutto
“Abbiamo una casa a due livelli. Una villa singola composta da un appartamento al piano terra in cui abitiamo io e mia moglie, e un secondo appartamento al primo piano in cui vive mio figlio con la sua famiglia. Negli ultimi anni ho avuto gravi problemi con la mia attività e non sono più riuscito a pagare le rate del mutuo. Mi sono messo momentaneamente d’accordo con il direttore della filiale della banca, perché non volevo gettare al vento 20 anni passati a pagare regolarmente ogni santo mese.

Ho scoperto solo dopo che il direttore aveva potere decisionale pari a zero. Tempo pochi mesi, nonostante le sue rassicurazioni, il mutuo è passato a sofferenza, e la banca senza dirmi niente ha ceduto il credito a una società di recupero crediti, che mi ha chiesto il rientro immediato con un decreto ingiuntivo.

Dopo vent’anni passati a pagare regolarmente, era rimasto veramente poco per estinguere il mutuo. Potevamo chiedere a nostro figlio di fare un finanziamento per darci una mano, ma ci vergognavamo troppo. Presi dal panico, non gli abbiamo detto niente e la situazione è precipitata.

Grazie all’aiuto di Rolando Pollastri abbiamo capito che stavamo sbagliando e che nostro figlio avrebbe preferito di gran lunga sapere come stavano le cose e aiutarci. Solo che mancava pochissimo all’asta e il saldo doveva avvenire entro una settimana. Inoltre l’immobile valeva molto di più del debito residuo e la banca non avrebbe mai concesso di stralciare.

Quindi Rolando ha comprato entrambi gli appartamenti, poi mio figlio e la sua compagna, che hanno due lavori a tempo indeterminato, hanno chiesto e ottenuto il mutuo.

Così noi abbiamo chiuso il debito e mio figlio ha ricomprato la villa (per una cifra veramente ridicola) che alla fine è rimasta in famiglia.
TESTIMONIANZA GIORGIO R."Il debito da 360k con 3 diversi creditori, è passato alla fine a 120k in totale. La rata da 1.500 euro è passata a 470 euro"
Leggi Tutto
“La casa era stata messa all’asta per una cifra spropositata rispetto al suo reale valore.

La prima cosa che ci è venuta in mente è stato andare a cercare su internet una possibile soluzione. Abbiamo trovato informazioni interessanti sul discorso del sovraindebitamento e ci siamo quindi messi alla ricerca di un avvocato specializzato.

L’avvocato che abbiamo trovato è stato devo dire molto onesto.

Appena guardata la documentazione, ci ha detto subito che in presenza di una casa all’asta la possibilità di riuscire in questa cosa del sovraindebitamento era praticamente pari a zero.

Tuttavia, non avendo voglia di perdere altro tempo in ricerche di altre possibili soluzioni, abbiamo detto all’avvocato di procedere comunque.

La nostra è stata pura fortuna, ci ha detto l’avvocato.

Il creditore ha risposto troppo tardi alla comunicazione del giudice fallimentare e quindi il nostro debito è stato abbattuto da 360k a 220k, da pagare in rate da 1.500 euro per dodici anni e 4 mesi. Intanto l’asta era stata solo messa in pausa.

È per davvero stato un colpo di fortuna, ma ci trovavamo comunque in una situazione difficile, in cui dovevamo pagare una rata salata ogni mese e rimanevamo segnalati come mal pagatori, fino alla fine del piano.

Rolando ci ha fatto capire che eravamo a rischio, perché in caso di imprevisti, anche di piccola entità, saremmo stati fregati.

Ci disse che bastava una singola rata non pagata, o pagata anche solo con pochi giorni di ritardo per ridare impulso all’asta e vanificare mesi passati a vivere con l’acqua alla gola a pagare rate che non potevamo permetterci.

Il nostro avvocato non si faceva sentire da due anni, perché di fatto il suo lavoro è stato portato a termine. Ma Rolando lo ha contattato e gli ha chiesto di organizzare un incontro insieme ai nostri figli, che erano disponibili a collaborare, per risolvere definitivamente la questione.

Ha chiuso un accordo con i vari creditori ed è riuscito ad intestare la casa ai nostri figli, entrambi maggiorenni.

Il risultato è stato che il debito da 360k con 3 diversi creditori, è passato alla fine a 120k in totale.

La rata da 1.500 euro è passata a 470 euro, molto più gestibili.

Ma, cosa più importante ancora, la procedura esecutiva è stata definitivamente annullata. La nostra casa non era più in asta!

Inoltre ci hanno cancellato dall’elenco dei cattivi pagatori, senza aspettare i 12 anni e passa previsti dal sovraindebitamento.


In più tra un annetto circa, potremo tornare di nuovo io e mia moglie i proprietari dell’immobile, liberando i nostri figli da ogni vincolo e permettendo loro di tornare a progettare una vita serena.

È tutto nato da un’intuizione di Rolando, al quale saremo per sempre grati. Soprattutto per il fatto che ha letteralmente reso la vita un inferno all’avvocato che ci ha seguito all’inizio finché quest’ultimo, sfinito, non ci ha messo in contatto.”
TESTIMONIANZA SABER M."Il sig. Pollastri non mi ha mai chiesto soldi! Continua a dirmi che i soldi per il suo lavoro glieli ha dati la banca.”
Leggi Tutto
“Sono egiziano e faccio lavori edili, ma il lavoro da qualche tempo scarseggiava e guadagnavo troppo poco. Dovevo scegliere se dare da mangiare alla mia famiglia o pagare il mutuo e le tasse.

Alla fine mi è arrivata la lettera di Equitalia che voleva i soldi e quella del tribunale che mi diceva che la casa era andata all’asta.

Visto come stavano andando le cose, sono tornato nel mio paese. Volevo chiudere tutto e lasciarmi alle spalle questa brutta esperienza, ma in Egitto la situazione non era certo migliore.

Non sapevo più cosa fare.

Degli amici che avevo in Italia mi hanno detto che erano riusciti a risolvere il problema della loro casa all’asta e mi hanno accompagnato nell’ufficio del sig. Pollastri.

Mi ha aiutato a chiudere il debito, si è messo d’accordo lui con la banca.

Siccome volevo tenere la casa, mi hanno dato una mano anche i miei parenti in Egitto che hanno messo insieme i soldi per chiudere tutto.

Prima è stato risolto con la banca, riuscendo a cancellare l’asta e subito dopo il sig. Pollastri si è occupato anche di Equitalia.


Non mi ha mai chiesto soldi! Continua a dirmi che i soldi per il suo lavoro glieli ha dati la banca.”
TESTIMONIANZA GIOVANNI P."Rolando non solo non ci ha chiesto niente per averci risolto definitivamente il problema, ma ci ha anche consegnato un assegno da 5mila euro per aiutarci con l’affitto della nuova casa"
Leggi Tutto
“Io e mia moglie eravamo nei guai, avevamo contattato un avvocato per aiutarci a chiudere il nostro debito, ma non ci stava aiutando. Ci fidavamo ciecamente di lei, ma si è rivelata boriosa e saccente. In tre anni ci ha detto solo parole vuote, ma non è riuscita a risolvere niente e ogni volta che la chiamavamo ci trattava male dicendo che non poteva fare miracoli.

Il sig. Pollastri ha cercato di contattarla, ma lei non è stata disponibile. Anzi ci ha addirittura telefonato per parlarci male di lui.

Ciò nonostante il sig. Pollastri è andato avanti lo stesso ed è stato la nostra salvezza. Ancora oggi non ho idea di come abbia fatto, so solo che ha pagato tutto lui, avvocato compreso.

Quando è arrivata la raccomandata del tribunale con la quale ci comunicava che dovevamo liberare l’immobile perché il giudice lo aveva assegnato ad un’altra persona, mi sono sentito morire. Ho dovuto sedermi, mi tremavano le gambe, non riuscivo a stare in piedi nemmeno stando appoggiato a qualcosa.

Tre giorni dopo, citofona il postino. Avevo il cuore in gola, non sapevo se non rispondere o cosa.

Alla fine sono uscito. Erano una raccomandata e una lettera comune.

Preso dall’ansia ho subito guardato la raccomandata. Era una comunicazione del creditore con la quale diceva che rinunciava al debito residuo e da noi non aveva più nulla a pretendere.

Non sapevo più cosa pensare. L’avvocato ci aveva detto che se la casa non fosse stata venduta all’asta ad almeno 164mila e passa euro, che era il mutuo residuo, la rimanenza sarebbe stata recuperata pignorando lo stipendio o qualsiasi cosa sulla quale il creditore sarebbe riuscito a mettere le mani.

La casa era all’asta per meno di 70mila euro… proprio non capivo…

Letto tutto quello che c’era nella raccomandata, sono passato all’altra lettera.

Era una lettera del sig. Pollastri, nella quale ci diceva che in parole povere era riuscito a fare quello che l’avvocato, a torta finita, non era stata in grado di fare e ci invitava a chiamarlo o a presentarci direttamente in ufficio da lui.

Alla fine era stato lui a chiudere il debito tramite alcune persone che, come dice lui, gli finanziano le operazioni e ad occuparsi dell’annullamento della procedura in tribunale.

Si è perfino occupato lui della parcella dell’avvocato che per giorni, dopo l’arrivo della raccomandata del tribunale, continuava a tartassarci di telefonate perché voleva essere pagata.

Dicendo che l’operazione era andata meglio di quanto previsto, Rolando non solo non ci ha chiesto niente per averci risolto definitivamente il problema, ma ci ha anche consegnato un assegno da 5mila euro per aiutarci con l’affitto della nuova casa.

Gli saremo grati per sempre. Se ci fossimo rivolti a lui fin dall’inizio avremmo risparmiato tre anni di angoscia, persi per dar retta a un avvocato incapace e arrogante.”

Inizia una nuova vita in cui ricostruire in poco tempo la tua felicità insieme alle persone a cui vuoi bene

Ogni caso è diverso e ogni situazione debitoria ha le sue specifiche caratteristiche. Per questo il primo step da compiere è incontrarci per parlare di te e delle opportunità che hai per ripartire.

Per questo ti offro una prima consulenza gratuita, in cui avrò modo di farti maggiori domande e di rispondere alle tue.

Sono certo che al termine della nostra chiacchierata sarai già molto più sereno e sentirai che il peso che porti sulle spalle ha già iniziato a sollevarsi.

Prenotare la tua consulenza gratuita è molto semplice!

Compila il modulo

ci metteremo in contatto con te nel più breve tempo possibile (e con la massima discrezione) per fissare un appuntamento e spazzare via per sempre questo incubo.

Tutti i tuoi dati saranno trattati nel rispetto delle norme sulla privacy e non saranno mai venduti o divulgati a terze parti

StracciaDebito – Tutti i diritti riservati

2E INVEST S.R.L. – Via Gustavo Modena 3/A, 20129, Milano – P.IVA 11223270965

Privacy Policy